si riparte con la corruzione

Il Governo, con il decreto legge sulla manovra, sopprime l’Alto Commissario per la prevenzione ed il contrasto della corruzione ed altre forme di illecito all’interno della pubblica amministrazione.

Il fatto è gravissimo, e risulta perfettamente in linea con la totale assenza di volontà da parte della maggioranza di stigmatizzare e punire la corruzione, derubricando la cancellazione come “riduzione di organismi collegiali”.

La cancellazione è il segnale dell’endemica tolleranza e convivenza con la corruzione, che ha caratterizzato la vita politica dei governi Berlusconi. Dalla depenalizzazione del falso in bilancio ai due emendamenti salva-premier, assistiamo sconcertati all’abuso delle leggi ad-personam: questa volta le due astuzie condurranno il Presidente del Consiglio alla prescrizione, sospendendo i processi per reati ritenuti, solo dal governo, “minori” quali estorsione, associazione per delinquere, bancarotta fraudolenta, frodi fiscali, falsificazione di documenti pubblici, corruzione, corruzione in atti giudiziari, abuso d’ufficio, peculato, rivelazione di segreto d’ufficio, truffa comunitaria.

su www.anticorruzione.it potete leggere i laconici messaggi con cui annunciano la fine delle attività

di questo però non abbiamo sentito parlare in TV, né sui giornali

fonte: la tolleranza alla corruzione

This entry was posted in Berlusconi, che schifo, Italia and tagged , . Bookmark the permalink.

2 Responses to si riparte con la corruzione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *