le "fantasie" dei bambini di Rignano Flaminio

TRIBUNALE ORDINARIO DI TIVOLI
ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE

abstract:
[…]I soggetti nominati sono indagati perché:
“sottoponevano (i minori) ad atti di sevizie e crudeltà…li conducevano….in abitazioni private, nel bagno o in un aula o in un punto riparato del giardino….inducendoli anche con violenze o minacce a praticare reciprocamente su loro stessi atti di esplicita natura sessuali anche con l’uso di strumenti (vibratore – penna – altro), con l’inserimento dei suddetti strumenti nei genitali delle bambine e con uso lesivo dei suddetti strumenti in danno dei minori di sesso maschile, sottoponendo inoltre i bambini a giochi a sfondo sessuale tra loro e con essi indagati, facendosi toccare i genitali e altre zone erogene dai medesimi minori, commettendo detti atti di violenza sessuale in gruppo, o comunque essendo tutti riuniti nello stesso posto; sottoponendo altresì senza motivo a percosse sistematicamente…i predetti minori,….. praticando sui medesimi senza autorizzazione con l’suo di siringhe prelievi di sangue o inoculazione di sostanze varie quali camomilla, narcotici, stupefacenti o altro gravemente lesivo della salute delle persone in corso di accertamento, terrorizzandoli con l’uso di cappucci, vestiti da diavolo o coniglio nero, mostrandosi ai medesimi completamente o parzialmente nudi. In Rignano Flaminio nel corso dell’anno scolastico 2005 – 2006.”

[…]”E veniamo alla necessaria dinamica dei fatti. ….. riferiva che la piccola…. di anni 4, da circa 3 mesi aveva assunto comportamenti preoccupanti. Mostrava un interesse particolare per gli organi sessuali dei loro cani (che tentava ripetutamente di toccare e baciare). Chiedeva se è vero che “pippo”, con ciò intendendo il sesso maschile, “ciuccia” e “si bacia” la “patata”, cioè l’organo sessuale femminile. In una occasione il padre l’aveva sorpresa a prendere la testa del cane e portarla al basso ventre, mimando l’atto sessuale. La madre l’aveva sorpresa a toccarsi nelle parti intime con la manina infilata nelle mutandine o nell’atto di simulare un amplesso sessuale sopra un peluche che lei stessa aveva prima adagiato a terra. In altra occasione veniva sorpresa mentre tentava di introdurre nella vagina una bandierina o, ancora, a bagnare un asciugamano per poi passarselo ripetutamente sul sesso.”

[…]”Parlava di fotografie scattate da adulti che partecipavano “ai giochi”.” (…)
“Descrive una casa grande dove si svolgevano questi giochi… Continua in casa a simulare l’amplesso sessuale dicendo che è obbligata a farlo altrimenti la uccidono e che loro (i genitori) non possono guardare quel “gioco” insegnatole dalla maestra… e dagli altri “grandi”; è un segreto ed ha paura che li possano uccidere (“Mamma queste cose le dico solo a te e deve rimanere un segreto da non dire neanche a papà altrimenti ci uccidono”, perché così l’hanno minacciata i “grandi” ripetendole che “loro sono tanti e forti”).
Racconta che durante i giochi ….metteva il “pippo” nel sederino di …. e gli tappava la bocca con del nastro adesivo e metteva la musica ad alto volume, perché…..strillava tanto per il dolore.
Chiede alla madre se quando era piccola il padre le avesse dato del latte dal “pippo”, poiché sia …. che …. le “davano il latte dal pippo” e la picchiavano perché non le piaceva e lo sputava.”

[…]”Aggiungeva che per l’esecuzione del gioco gli avevano regalato delle patatine. Diceva che spesso venivano denudati e fotografati da XX e XX mentre “giocavano”

fonti: censurati.it, PEDOFILIA: blog L’Inferno degli Angeli
link: la lobby dei bambini abusati, L’ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE DI RIGNANO FLAMINIO – PARLANO LE VERE VITTIME: I BAMBINI.

This entry was posted in che schifo, informazione, Italia and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published.