Della irreversibilità della morte.

La saluto, e saluto tutti. La petizione sulla pena di morte sembra aver scosso qualcuno….
Oggi ho sentito che, a livello europeo, si è decretato che la pena di morte è equiparata alla schiavitù. Dovrei andare su un altro pianeta (altro che Madagascar!), poichè è molto semplice verificare che la condizione di schiavitù è reversibile, mentre la condizione di morte non lo è. E fino qua ci siamo. Va bene dico io, per voi ieri la schiavitù era peggio della pena di morte.
Il motivo è semplice: lo schiavo ti guarda negli occhi, lo schiavo aspetta che ti giri per piantarti un palo scheggiato nel prezioso anello se sei fortunato, lo schiavo aspetta che tu vada a dormire per infilare lame nel tuo petto….
Il morto non ti guarda, il morto è morto, e da buon morto si pente e ti perdona, il morto non ti guarda negli occhi, ne tantomeno ti pugnala alle spalle; per questo fino a ieri era meno grave.
Forse da ieri i morti si sono stufati di fare i morti ammazzati e hanno seguito i potenti (europei) fino nelle scale di casa…..
Aspettiamo quindi che i morti imparino ad attraversare l’atlantico e riescano a trovare la strada che porta ad una casa (tutta) bianca.
morituri et morti te salutant Georgii!!!

This entry was posted in petizioni, riflessioni. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published.